mercoledì 18 luglio 2018, 4.58       
Home Agricoltura Appartamento Foto Dintorni Eventi Tariffe Meteo Raggiungerci
Agriturismo Santa Bruna: eventi e manifestazioni a Volterra e San Gimignano
NOTTE BIANCA
14 luglio 2018
La notte delle notti, arte cultura musica divertimento
http://www.volterratur.it/eventi/notte-bianca-4/
LA NOTTE DELLA CIVETTA
30/06/2018
Lo spettacolare scenario dei calanchi di Volterra alla scoperta dei rapaci. Prima della partenza dell’escursione verranno liberati, da volontari esperti, gli uccelli recuperati e curati dal Centro di Recupero Uccelli Marini e Acquatici LIPU di Livorno. Seguirà alle ore 19:00 una merenda-cena a buffet presso la Badia il cui incasso sarà devoluto al CRUMA per sostenere le spese degli animali da loro curati. Andremo poi a “caccia” dei rapaci notturni con la tecnica del “Playback”, cioè l’emissione di un canto registrato, usata dagli ornitologi durante i censimenti, per indurre i rapaci a rispondere e manifestarsi. La sera comprenderà anche la visione di foto e video.
http://www.volterratur.it/eventi/la-notte-della-civetta/
VOLTERRAGUSTO 2018
27 ottobre - 04 novembre 2018
Volterragusto, una manifestazione che si è ormai affermata come uno degli appuntamenti di settore più attesi e interessanti del panorama regionale toscano, anche quest’anno proporrà un ricco mercato enogastronomico. Nelle giornate del festival, il protagonista principale sarà il pregiato tartufo bianco locale. Un’occasione unica per meglio conoscere ed apprezzare uno dei figli più pregiati di queste terre in cui troveranno largo spazio anche gli altri prodotti enogastronomici tipici della Val di Cecina.
http://www.provolterra.it/eventi/volterragusto2018/
VOLTERRA AD1398
domenica 12 e 19 agosto 2018
Volterra A.D.1398 è una rievocazione medievale che si svolge a Volterra la 2^ e 3^ Domenica di Agosto. Come ogni anno il centro storico della città si animerà di un passato mai sopito e i visitatori saranno trasportati, quasi per magia, indietro nel tempo. Focosi destrieri, audaci cavalieri, nobili, dame, artigiani e mercanti, popolani e contadini, sbandieratori e balestrieri, musici e giullari come per incanto faranno rivivere il misterioso Medioevo di Volterra. Il clou della manifestazione sarà la “Giornata di Festa dell’Anno Domini 1398″ che si svolgerà Domenica 12 e 19 Agosto, dall’alba al tramonto. In qull’occasione rivivrà una città medievale del 1398 con spettacoli, eventi, mercati, artigiani, musicisti, giocolieri, popolani e nobili; il tutto legato da un tema scelto esclusivamente per questa edizione: un’occasione veramente unica per immergersi, quasi per incanto, nella magica atmosfera del Medioevo, in una delle più belle città della Toscana
http://www.provolterra.it/eventi/volterra-ad1398-2/
PALAZZO VITI – VISITA TEATRALIZZATA
06 e 13 agosto 2018
Scoprire una Volterra inedita attraverso la vita avventurosa di Giuseppe Viti, un affascinante personaggio volterrano dell’800 che promuovendo nel mondo l’alabastro, ha scritto una pagina importante della nostra storia.
http://www.provolterra.it/eventi/palazzo-viti-visita-teatralizzata-3/
NOF4 VOLTERRA E IL MANICOMIO
Dal 01/5 al 30/09 il Sabato e la Domenica.
Visita al museo del manicomio “Lombroso” ed escursione all’area abbandonata del Poggio alle croci con tappa al famoso diario di pietra di Nof4.
http://www.provolterra.it/eventi/nof4-volterra-e-il-manicomio/
I SIGNORI DE L'ORTINO
22 aprile -30 settembre 2018
Mostra di reperti archeologici nel Palazzo dei Priori
http://www.provolterra.it/eventi/i-signori-dellortino/
VISITA NOTTURNA IN MINIERA E CENA A LUME DI CANDELA
Dal 1 Luglio al 31 Agosto , ogni VENERDI’ dalle ore 20:00 alle 24:00
Una cena a lume di candela all’interno dell’area mineraria di Montecatini Val di Cecina, scenografia e ambienti sorprendenti per un’atmosfera unica da non perdere, un clima ideale per una serata estiva!
http://www.volterratur.it/eventi/visita-notturna-in-miniera-e-cena-a-lume-di-candela-4/
VISITA NOTTURNA ALLA ROCCA SILLANA
Dal 1 Luglio al 31 Agosto
La magia di una salita in notturna alla Rocca tra mille emozioni e sensazioni. ogni MARTEDI’ ore 21:00 – 24:00 ( partenza visite guidate ore 21:00 e 22:30)
www.volterratur.it/eventi/visita-notturna-alla-rocca-sillana-6/
VISITA AL MASCHIO DELLA FORTEZZA
Dal 5/6 al 01/11 Tutti i lunedì dalle ore 12:00 alle ore 18:00
Visita alla torre del Maschio con panorama mozzafiato
www.volterratur.it/eventi/visita-al-maschio-della-fortezza-8/
SHOPPING SOTTO LE STELLE
ogni giovedì sera di luglio
Shopping, musica, giochi, spettacolo. Tutti i giovedi di Luglio per le vie del centro. INGRESSO LIBERO
http://www.comune.volterra.pi.it/shopping_sotto_le_stelle
FRA TERRA E CIELO
11/07/2017 - 27/08/2017
Festival delle colline geotermiche
http://http://www.volterratur.it/eventi/fra-terra-e-cielo/
PISCINA TERMALE

La grande piscina termale esterna delle Terme di Casciana permette di trascorrere intere giornate alternando immersioni al piacere di sdraiarsi sulla morbida erba del parco che la circonda. I 500 metri quadri di acqua termale continuamente rinnovata e la profondità costante di 1,30 metri la rendono il luogo ideale per singoli, coppie e intere famiglie.
www.termedicasciana.com
ABBAZIA DI SAN GALGANO E LA SPADA NELLA ROCCIA

Il complesso composto dall'Eremo o Rotonda di Montesiepi e dalle rovine della grande Abbazia di Circestense di San Galgano è uno dei più suggestivi che si trovano in Toscana. La spada nella Roccia infissa nel 1180 da San Galgano (Guidotti) sull'Eremo di Montesiepi. Questo fu l'unico miracolo noto di San Galgano .... ma a distanza di oltre 800 anni è ancora visibile.
www.sangalgano.info
TORRE DI PISA

Pochi monumenti sono così conosciuti nel mondo come la torre pendente di Pisa. Il celebre campanile di Bonanno Pisano ha compiuto otto secoli di vita, essendo stato iniziato nel 1173. Per la verità, in una iscrizione epigrafica a destra della porta d'ingresso della torre, si legge la data 1174. Ma tale data si riferisce al calendario pisano che iniziava il 25 marzo, nel giorno dell'Annunciazione' e quindi in anticipo di quasi un anno sul calendario tradizionale. L'inclinazione della torre è attualmente di circa 5 metri; la sua altezza è di 56 metri con uno sprofondamento medio di 2,50 metri alla base. La torre continua a pendere in ragione di un millimetro ogni anno ed è motivo di grande preoccupazione per i tecnici che sperano comunque di poter stabilizzare definitivamente il famoso campanile.
www.torredipisa.it
RISERVE NATURALI E ALTA VAL DI CECINA - EVENTI, ESCURSIONI E ATTIVITÀ

Escursioni, eventi, incontri con esperti, esperienze di educazione ambientale, laboratori artistico-sensoriali e molto altro, alla scoperta di terre selvagge da millenni frequentate dall’uomo.Il programma cerca di creare momenti per abbandonarsi allo stupore, alla meraviglia e nello stesso tempo comprendere la storia dell’uomo e il suo rapporto millenario con la natura.Prenotazione obbligatoriaLe escursioni pomeridiane e notturne devono essere prenotate entro le ore 13 del giorno stesso dell'escursione. Le escursioni giornaliere vanno prenotate entro le ore 17 del giorno precedente l'escursione.Tutte le escursioni e le attività sono seguite da guide professioniste e/o da personale esperto e si svolgono con mezzi propri. Pranzo al sacco non fornito dall'organizzazione.Programma delle escursioniInfo e prenotazioni: Consorzio Turistico Volterra Valdicecina tel. 0588 86099 info@volterratur.it
www.volterratur.it
OMAGGIO DI PRIMAVERA
lunedì di Pasqua
L'Omaggio di Primavera ha origini antichissime, rifacendosi addirittura ad un rito pagano quando, in occasione dell'equinozio di primavera, il popolo volterrano festeggiava il passaggio dal buio alla luce rendendo omaggio al risveglio della natura dalla lunga pausa invernale mediante l'abbellimento della città con ghirlande di fiori primaverili. Anche nel medioevo si è tramandata questa tradizione e pare che in occasione del "majo di primavera" il popolo si radunasse in piazza di buon ora e svegliasse i Priori offrendo loro fiori e spettacoli in segno di festa per l'arrivo della primavera. Nel contesto ovviamente non potevano mancare gli sbandieratori che davano vita a caroselli di bandiere nella piazza e per le vie cittadine. Con l'Omaggio di Primavera, il Gruppo Storico Sbandieratori, il Lunedì di Pasqua di tutti gli anni, intende offrire ai numerosi turisti che nel periodo pasquale affollano la città la rievocazione di questo antico rito pagano, con una nota di folclore e di allegria. La manifestazione si svolge al mattino: alle 11,15 il Corteo Storico, composto da una cinquantina di figuranti in costumi medievali, si muove dalla Porta a Selci e, percorrendo tutto il centro storico, arriva in Piazza dei Priori dove dà vita al carosello di bandiere. Numerose coreografie accompagnano l'esibizione degli sbandieratori, alcune delle quali si rifanno a fatti storici avvenuti nella Volterra medievale e rinascimentale
http://www.sbandieratorivolterra.it/
ASTILUDIO VOLTERRA
23 giugno 2018
Una gara all’ultima “sbandierata” Sbandierare è un’arte, un’espressione di noi stessi, di ciò che si rappresenta e della propria personalità. E’ un’arte radicata nella storia e allo stesso tempo uno spettacolo, frutto di fantasia ed estrosità sempre nuove. Sabato 23 giugno il XXXVIII ASTILUDIO. Il torneo federale più longevo si sposta quest’anno dalla consueta data della prima domenica di settembre; si svolgerà in due tempi, al pomeriggio con le esibizioni degli atleti under 15 e in notturna con i grandi in modo da permettere agli spettatori di godere delle suggestioni che offre la magnifica Piazza dei Priori.
http://www.sbandieratorivolterra.it/
PALIO DI SIENA
02 LUGLIO e 16 AGOSTO
Il Palio di Siena torna a far vivere grandi emozioni nella splendida Piazza del Campo della cittadina toscana martedì 2 luglio e venerdì 16 agosto 2013. Manifestazione antichissima, legata alla vita del popolo senese nel tempo e nei suoi diversi aspetti e sentimenti, porta ancora i segni di alcune regole istituite nell’anno in cui venne svolto il primo palio con i cavalli, 1644. La città viene suddivisa in diciassette Contrade, i cui confini risalgono al 1729, assegnati dal Bando di Violante di Baviera, Governatrice della Città. Ciascuna Contrada rappresenta un piccolo stato, retto da un Seggio con a capo il Priore e condotto nella giostra da un Capitano, assistito da due o tre contradaioli detti mangini. Possiede, entro il suo territorio, una Chiesa con annessa la sede ove viene custodito tutto il suo patrimonio: cimeli, drappelloni delle vittorie, costumi della Comparsa - quelli in uso e molti di antica data - bandiere, archivio e tutto quanto altro concerne la vita della Contrada stessa. TopI preparativi del Palio fervono a partire dalla mattina del 29 giugno – per la data di luglio – e del 13 di agosto – per il successivo Palio di agosto -. Allo scoppio del mortaretto, che annuncia l’uscita dei cavalli dell’Entrone, comincia la grande festa. Ad ogni fantino viene consegnato un nerbo di bue con il quale potrà incitare il cavallo o intralciare gli avversari durante la corsa. Quindi si procede all'avvicinamento verso la mossa, ossia il punto dove sono stati tesi due canapi tra i quali verranno chiamati ad allinearsi cavalli e fantini. L'ordine di entrata è stabilito dalla sorte, infatti le Contrade vengono convocate secondo l'ordine di estrazione. La decima e ultima entrerà invece di rincorsa quando lo riterrà più opportuno, decidendo così il momento della partenza. Se la partenza non sarà valida, uno scoppio del mortaretto fermerà i cavalli. Questi ultimi dovranno compiere tre giri di pista per circa mille metri e solo al primo arrivato sarà riservata la gloria della vittoria. A vincere è comunque il cavallo, tanto che può arrivare anche scosso ossia senza fantino. I contradaioli ricevono così il Palio, con il quale si recano in Provenzano, per il Palio di luglio, o al Duomo, ad agosto, per cantare il Te Deum di ringraziamento. A partire da questo momento ogni occasione sarà buona per ricordare alla città la vittoria conquistata sul Campo, fino all'autunno, quando, tra il mese di settembre ed i primi giorni di ottobre, nel rione vittorioso addobbato a festa, si svolgerà la cena della vittoria, alla quale parteciperanno migliaia di contradaioli e al posto d'onore il cavallo vittorioso.Il Palio costituisce una secolare celebrazione alla quale partecipa spontaneamente tutto il popolo senese, pertanto non vi è alcuna presenza di un’organizzazione ufficiale per il coordinamento dei vari servizi. Per questo motivo anche la vendita dei posti nelle tribune, nei balconi ed alle finestre, viene effettuata singolarmente dai rispettivi proprietari che spesso hanno i negozi che si affacciano nella Piazza del Campo o le abitazioni nelle vie adiacenti. L’accesso alle tribune è ammesso fintanto che i Vigili Urbani non hanno effettuato lo sgombero del pubblico dalla pista, dopodiché è eccezionalmente concesso dalle autorità di polizia, che svolgono il servizio di sicurezza, di far transitare attraverso appositi passaggi, particolarmente stretti, gli spettatori ritardatari in possesso di regolare biglietto di prenotazione. E' tuttavia raccomandabile raggiungere la Piazza almeno mezz’ora prima del corteo storico.All’interno della Piazza del Campo è concessa la possibilità al pubblico di assistere al Palio gratuitamente, per rendere ancora più emozionante vedere la corsa, mischiandosi insieme ai senesi.Gli spettatori possono accedere alla Piazza anche dopo l’inizio del corteo storico attraverso la via Giovanni Duprè, che verrà chiusa soltanto pochi minuti prima della corsa.
www.comune.siena.it
GIOCO DEL PONTE
ultimo sabato di Giugno
l'ultimo sabato delmese di Giugno 2013, dalle ore 19 a Pisa si disputerà il Gioco del Ponte, manifestazione storica nell'ambito del Giugno Pisano. La manifestazione si articola in due momenti distinti: il Corteo Storico sui Lungarni, una sorta di imponente parata militare con ben 709 figuranti, e la Battaglia, ambientata sul Ponte di Mezzo, dove le squadre dei quartieri appartenenti alle due fazioni cittadine rivali (Tramontana e Mezzogiorno) danno prova della rispettiva potenza fisica, in un'atmosfera avvincente. Il Ponte di Mezzo viene allestito nei giorni precedenti con un macchinario, un 'carrello' scorrevole su rotaia, sul quale viene esercitata la spinta dei combattenti. Per il Gioco del Ponte vale ancora l'antico principio che assegna la vittoria alla squadra che rimane padrona del Ponte, spingendo il carrello con gli avversari all'estremità opposta della rotaia di scorrimento.
www.comune.pisa.it
LUMINARA E PALIO DI SAN RANIERI
16 e 17 giugno
Come ogni anno il 16 Giugno si rinnova il suggestivo appuntamento sui Lungarni di Pisa con la Luminara di San Ranieri. Secondo un'antica tradizione Pisa celebra - con questa singolare illuminazione a cera di tutta la zona che costeggia il fiume Arno - la festa del patrono San Ranieri del 17 Giugno. Sono circa settantamila i lumini che ogni anno vengono deposti in bicchieri di vetro liscio, ed appesi in telai di legno, dipinti di bianco (in gergo: 'biancheria'), modellati in modo da esaltare le sagome dei palazzi, dei ponti, delle chiese e delle torri che si affacciano sui lungarni pisani. La serata sarà animata da fuochi d'artificio che illumineranno la città allo scoccare della mezzanotte, e da banchetti e piccole feste dislocate per tutto il centro storico. Domenica 17 Giugno 2013 in onore di San Ranieri viene disputato, come da tradizione, il Palio di San Ranieri a Pisa. La manifestazione rientra nel programma del Giugno Pisano 2013. Durante il pomeriggio quattro imbarcazioni che rappresentano i colori dei più antichi quartieri cittadini - Santa Maria, San Francesco, San Martino e Sant’Antonio - disputano sulle acque dell'Arno una regata, retaggio della prestigiosa tradizione di Pisa repubblica marinara. Il Palio di San Ranieri discende dalla tradizione degli antichi Palii che venivano corsi in Pisa, fin dal Medioevo, per celebrare l'Assunta.
www.comune.pisa.it
IL TEATRO ROMANO DI VALLEBUONA

Fatto edificare in età augustea dalla famiglia Caecina, sul tipo degli odeon greci, cioé sfruttando il declivio del colle, vi si accedeva dalla zona del foro (chiesa di San Michele "in loco a foro") attraverso sistemi scalari, oggi non più visibili per il persistere delle mura medievali sul muro perimetrale della summa cavea. Resta il piano con tre grandi esedre da dove attraverso scale coperte si scendeva al criptoportico e quindi all'ima cavea dove sono ben visibili le file di sedili dei settori centrali in tufo di Pignano e gli "itinera scalaria" cioè i gradini di accesso ai posti in pietra di Montecatini. Orario: 2 novembre - 15 marzo 10.30 - 16.30 sabato e domenica (escluso 25/12 e 01/01) 16 marzo - 1 novembre 10.30 - 17.30 tutti i giorni
www.comune.volterra.pi.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/75
PINACOTECA E MUSEO CIVICO
aperta tutto l'anno
Il Palazzo Minucci Solaini, nella centralissima via dei Sarti, che attualmente ospita la Pinacoteca di Volterra è tra i più singolari della città per le limpide e rigorose proporzioni del prospetto e per il mirabile equilibrio architettonico del cortile nonché per la varietà espressiva dell’impianto distributivo e decorativo dell’interno. Attribuito dalla storiografia locale ad Antonio da Sangallo il Vecchio, oggi si tende a individuare in alcuni elementi architettonici, analogie di stile con le finestre del cortile di Palazzo Strozzi e di Palazzo già Guadagni del Cronaca, nonché affinità stilistiche e decorative con Baccio d’Agnolo, che operò con il Sangallo. Dal 1982 è sede di quella Galleria Pittorica Comunale ordinata da Corrado Ricci nel 1905 al secondo piano del Palazzo dei Priori con opere di provenienze diverse, e in particolare con il nucleo di opere raccolte fin dal 1842 nella Cappella di San Carlo annessa al Duomo, e con quello di più recente acquisizione costituito in maggioranza da opere provenienti dalla Badia Camaldolese di San Giusto conservate nell’attuale sala della giunta in Palazzo dei Priori.
www.comune.volterra.pi.it/museiit/pinac.html
MUSEO GUARNACCI
aperto tutto l'anno
Il Museo Guarnacci è uno dei più antichi Musei pubblici d’Europa: nasce nel 1761 quando il nobile abate Mario Guarnacci (Volterra 1701-1785) dona il suo ingente patrimonio archeologico, raccolto in anni di ricerche e acquisti, al pubblico della città di Volterra. La disposizione attuale e la collocazione dei materiali risentono dell’impostazione, di stampo positivistico, data loro dal Maffei, con una separazione per classi degli oggetti e una distinzione delle urne secondo il tema del bassorilievo della cassa. Nel rispetto di questa impostazione - essa stessa memoria storica del Museo - si è cercato, in tempi recentissimi, di affiancarne un’altra, più didascalica, con un percorso cronologico ricavato all’interno dell’esposizione stessa, in grado di condurre il visitatore attraverso la lunga vicenda storica dell’etrusca Velathri
www.comune.volterra.pi.it/museiit/metru.html
ROCCA SILLANA
aperto dal 1 aprile al 30 settembre
La Rocca di Sillano o Silano si trova all'estremità orientale del territorio comunale di Pomarance (PI). Per chi proviene da Volterra una volta passato il capoluogo comunale seguire la strada per S.Dalmazio (Itinerario dei Ruderi) dove troverete le indicazioni per la Rocca e la Pieve seguendo la strada che porta a Lanciaia. Da Firenze superstrada FI-SI uscita Colle Val D'Elsa Sud, seguire le indicazioni per Casole d'Elsa, poi Monteguidi e infine Montecastelli. Poco dopo l'ultimo bivio troverete sulla destra i cartelli per la Rocca, prima di arrivare a S.Dalmazio. Dopo aver lasciato l'auto al parcheggio visitatori, la Rocca è raggiungibile con una passeggiata di ca. 15 minuti seguendo il percorso attrezzato.
www.castellitoscani.com/italian/sillano.htm
MUSEO DELLE MINIERE MONTECATINI VAL DI CECINA
aperto dal 25 aprile al 30 settembre
Tremila anni di storia hanno contrasegnato il territorio della Alta Val di Cecina: un patrimonio paesaggistico e naturalistico unico con un ricchissimo repertorio di testimonianze di presenza e di attività umane, le necropoli etrusche, i resti dei luoghi di aggregazione di epoca romana, le piazze e i borghi medievali, le chiese, i castelli, i palazzi, l'utilizzazione delle risorse del sottosuolo dall'antichità più remota: l'estrazione del salgemma, le miniere di rame, la lavorazione dell'alabastro, lo sfruttamento dei fluidi geotermici. Il Museo delle Miniere è parte del sistema museale territoriale: Museo Etrusco Guarnacci di Volterra, Pinacoteca e Ecomuseo dell'Alabastro di Volterra, Aree Archeologiche e Museo della Geotermia di Larderello.
www.museodelleminiere.it
Richiesta Disponibilità
Nome
Data Arrivo
Nr. Notti Nr. Persone
Email  
Telefono
Testo Messaggio
Tutela della Privacy: i dati saranno trattati come previsto dalla Lg. 196/2003
Conferma
Farmhouse Santa Bruna Ferienhaus Santa Bruna
Agriturismo Italia Booking.com
Agriturismo Volterra Agriturismo San Gimignano Agriturismo Casole d'Elsa Agriturismo Colle Val d'Elsa Agriturismo Siena
Agriturismo San Galgano Agriturismo Cecina Agriturismo Firenze Agriturismo Pisa Agriturismo Toscana